Diverticoli – Diverticoliti

Dimagranti – Glucosio
giugno 5, 2018
Drenaggio Cerebrale – Linfatico
giugno 6, 2018

DIVERTICOLI

I diverticoli sono una erniazione di mucosa e sottomucosa attraverso la parete muscolare, solitamente situata in vicinanza delle “tenie”, dove i vasi retti penetrano nella parete colica, indebolendola. I diverticoli del colon sono causati da un difetto che si realizza nel corso della vita della parete muscolare del colon che si sfianca e si estroflette nel punto dove le terminazioni nervose e le piccole arterie che portano sangue alla mucosa entrano attraverso il colon.

I diverticoli del colon sono, quindi, delle estroflessioni, una sorta di piccoli sacchi che si formano lungo le pareti intestinali. Tutti i settori del canale alimentare possono dare origine a diverticoli ma il colon è quello in cui la loro presenza è più comune.

I diverticoli possono essere presenti sin dalla nascita o acquisita. Nel primo caso l’estroflessione comprende anche la parete muscolare, nel secondo interessa soltanto la tonaca mucosa e la sierosa.

All’origine della patologia diverticolare, oltre ad una certa predisposizione genetica, c’è quasi sempre una dieta squilibrata, troppo ricca di grassi e zuccheri e troppo povera di acqua e fibre.

In senso stretto la diverticolosi del colon non è una vera e propria malattia, ma un’anomalia congenita o acquisita. Solo quando i diverticoli si infiammano, evolvendosi in diverticolite, la malattia da segni di sé.

Ma qual è l’esatto significato di tutti questi termini?

DIVERTICOLOSI

Si tratta della situazione in cui c’è presenza di diverticoli senza interessamento flogistico (senza infiammazione) ed è quasi sempre asintomatica (non da segni di sé).

DIVERTICOLITE

E’ il caso in cui siamo in presenza di diverticoli infiammati. Questa degenerazione è responsabile dei sintomi e delle complicanze della malattia diverticolare (espressione sintomatica della diverticolosi).

I sintomi della Diverticolite possono essere:

  •  sensazione di fastidio e dolore addominale
  • meteorismo, flatulenza, crampi addominali
  • dolori addominali generalmente localizzati nel fianco di sinistra
  • alterazioni dell’alvo con alternanza di stitichezza-diarrea
  • febbre e dolori addominali

DIETA IN CASO DI DIVERTICOLITE = NO FIBRE

I pazienti colpiti da diverticolite (quindi infiammazione dei diverticoli) potrebbero avere qualche problema ad assumere fibre, soprattutto nella fase acuta della malattia.

All’interno dei diverticoli, soprattutto quando sono molto grandi, possono infatti accumularsi piccole sostanze come i semi contenuti nella frutta.

Per questo motivo alimenti come kiwi, pomodorococomero potrebbero dare dei problemi (stitichezza/diarrea) in caso di diverticolite ricorrente.

Inoltre la malattia diverticolare, alterando la motilità e la funzionalità di tutto l’intestino, predispone il soggetto a un maggior rischio di intolleranze alimentari.

Non esistono alimenti o integratori magici in grado di invertire i cambiamenti strutturali delle pareti enteriche; ciò significa, che una volta formati, i diverticoli non possono regredire per effetto della dieta.

Per quanto riguarda la carne si è visto che un elevato consumo di carne rossa è associato alla comparsa della diverticolosi sintomatica. Non a caso, l’incidenza della condizione è nettamente inferiore nei soggetti vegetariani.

DIVERTICOLITE = NO FERMENTI LATTICI

Molte persone, spesso spinte da consigli o pubblicità fuorvianti, tendono ad assumere fermenti lattici per regolarizzare la propria funzionalità intestinale.

In realtà in chi soffre di malattia diverticolare i fermenti lattici potrebbero addirittura complicare la sindrome da contaminazione batterica e avere effetto contrario a quanto sperato.

Questi prodotti andrebbero infatti a potenziare ulteriormente la flora batterica del colon favorendo la sua risalita nell’intestino tenue con effetti quali meteorismo, flatulenza, diarrea e stitichezza.

SPORT: il movimento e l’attività fisica aiutano a mantenere tonici i muscoli della parete addominale, migliorando la motilità colica e riducendo il ristagno di feci nei diverticoli. Sia in caso di semplice diverticolosi, sia in presenza di diverticoli infiammati è importante correggere fattori di rischio fumo, l’eccesso di alcolici, di grassi e di carboidrati semplici.

DIVERTICOLITE – CURA

Diverticolite = diverticoli Infiammati = NO FIBRE = NO PROBIOTICI

Fitopreparato Vaccinium Mater

50 GOCCE IN POCA ACQUA PRIMA DEI TRE PASTI

Questo composto d’estratto di gemme di mirtillo rosso (vaccinium v.i.), arricchito con estratti di iperico, melissa, valeriana, ha la capacità di decongestionare e regolarizzare la funzionalità dell’intestino, riducendone la temperatura interna e permettendo la “ri-formazione” della flora batterica, favorendo la cicatrizzazione di eventuali lesioni del colon.

  • Mirtillo rosso (Vaccinium vitis-idaea) > antinfiammatorio intestinale – riduce la temperatura intestinale – decongestionante
  • Iperico (Hypericum perforatum) > riepitelizzante – cicatrizzante – calmante neurovegetativo
  • Valeriana (Valeriana officinalis) > agisce sul sistema parasimpatico – distende fasci muscolari – antispastico
  • Melissa (Melissa officinalis) > riduce la produzione di acido cloridrico da parte dello stomaco… il quale potrebbe infiammare ulteriormente l’intestino – inoltre è un leggero calmante

Polvere di Semi di Psillio

(Plantago Psyllium) se l’intestino è pigro.

In questi stati infiammatori dove le fibre potrebbero peggiorare o essere causa d’infiammazione non si utilizzeranno i semi di psillio come “la natura li fornisce”, ma si utilizzerà la polvere ottenuta per macinazione dei semi di psillio setacciata e quindi priva della cuticola esterna.

Dosaggio: 2 cucchiaini di polvere di psillio in un bicchiere d’acqua o in yogurt, poi bere un bicchiere grande d’acqua. Procedere inizialmente due volte il  giorno, poi passare a una volta al giorno. 

I semi di psillio contengono un polisaccaride (mucillagine) che ha la capacità di assorbire l’acqua cedendola poi all’intestino, ammorbidendo quindi le feci e lubrificando e decongestionando tutto l’intestino.

I semi di psillio vanno usati regolarmente per lunghi periodi.

Magnesio C

Decontrarre i fasci muscolari dell’intestino – attiva il sistema Parasimpatico.

1 CAPSULA PRIMA DEI TRE PASTI

Per rafforzare i legamenti, tonificare i muscoli addominali, ridurre la tensione dello stomaco e di tutto l’intestino, riequilibrare il sistema Nervoso vegetativo (vedi sistema Enterico).

NO PROBIOTICI (fermenti lattici che peggiorerebbero la situazione)

Questa scheda tecnica, riporta informazioni che in alcun modo non vogliono sostituire la diagnosi ed il parere del Vostro medico di fiducia.