Acido Urico e Gotta

Acufeni
giugno 3, 2018
Calcoli Renali, Renella e Metabolismo del Fosforo
giugno 4, 2018

La gotta è un disordine del metabolismo purinico caratterizzato da:

  • elevati livelli di urato nel siero (iperuricemia)
  • formazione di depositi di acido urico in varie sedi (tofi)
  • attacchi infiammatori articolari acuti (artrite monoarticolare) con depositi di urati nelle cartilagini
  • malattia renale (nefropatia gottosa)

Un tempo considerata prerogativa dei ceti sociali più ricchi (Svetonio la definì “morbus dominorum”), è in realtà una malattia a forte componente genetica, legata soltanto in minima parte allo stile di vita. La gotta è prerogativa quasi esclusiva del sesso maschile (c.a. 95% dei casi) ed esordisce, mediamente, tra i 30 ed i 50 anni.

Iperuricemia

La gotta è la conseguenza di un’iperuricemia cronica.

  • 7 mg/dl se uomo
  • 6,5 mg/dl se donna

Superati i 9 mg il rischio gotta diventa elevato e si procede con la somministrazione di farmaci specifici

L’iperuricemia è classificata come:

  • primitiva se non è conseguente a malattia acquisita
  • secondaria quando deriva da alterazione morbosa di altro tipo o da assunzione di farmaci specifici.

Cause:

La gotta può essere causata, fondamentalmente, da:

  • esaltata sintesi di purine con conseguente iperproduzione di acido urico
  • diminuita escrezione renale di acido urico*

Le purine sono sostanze azotate che entrano nella composizione del Possono essere endogene (prodotte dal metabolismo corporeo) o esogene (derivare dalla degradazione degli alimenti).

Il loro catabolismo dà origine all’acido urico il cui aumento dà a sua volta origine alla gotta.

La prima condizione è spesso a base ereditaria e può comunque essere aggravata da un’aumentata introduzione di composti purinici con la dieta. Nel secondo caso l’iperuricemia è dovuta alla diminuita efficienza del rene nell’eliminazione di acido urico.

Tradizionalmente si imputa l’insorgenza della gotta ad un’esagerata assunzione di cibo. Sebbene questo fattore, insieme all’alcolismo, alla sedentarietà e all’abuso di certi farmaci, sia comunque predisponente, il suo contributo è tendenzialmente marginale (vedi: dieta e gotta).

Sintomi:

Il paziente colpito da gotta lamenta dolori articolari intermittenti (artrite monoarticolare), generalmente associati a gonfiore, eritema, calore. Gli episodi dolorosi coinvolgono soprattutto le articolazioni di mani e piedi e, in circa il 90% dei casi, viene primariamente colpita l’articolazione metatarso-falangea dell’alluce.

Nelle forme croniche possono comparire dei noduli di grandezza variabile detti tofi. Questi depositi di acido urico si formano inizialmente intorno alle articolazioni interfalangee e a quelle metacarpo e/o metatarso-falangee. Successivamente compaiono anche in sede extrarticolare, come nel tendine d’Achille e nella parte esterna dell’orecchio. Il loro colore, inizialmente rosa-salmone diventa poi bianco-giallastro.

La gotta facilita anche la formazione di calcoli urinari e litiasi fino a compromettere, in uno stadio avanzato, l’intera funzionalità renale.

Purine Negli Alimenti

In presenza di gotta o iperuricemia è quindi importante escludere tutti gli alimenti ricchi in purine e limitare gli eccessi proteici secondo quanto indicato dalla seguente tabella:

Alimenti ad elevato contenuto in purine (da 150 ad 800 mg/100 g)

  • alici o acciughe, sardine, aringa, sgombri, cozze, animelle, fegato, rognone, cervello, estratto di carne, selvaggina

Alimenti a contenuto medio di purine (da 50 ad 150 mg/100 g)

  • carni, pollame, pesce (tranne quello con alto contenuto di purine), ostriche, gamberi, granchi, crostacei, salumi e insaccati in genere; piselli, fagioli, lenticchie, asparagi, spinaci, cavolfiori, funghi, arachidi, prodotti integrali

Alimenti a basso contenuto in purine (da 0 ad 50 mg/100 g)

  • latte, uova, formaggi, verdure, ortaggi (eccetto quelli sopraelencati), frutta, pasta e gli altri cereali (fatta eccezione per germe di grano e prodotti integrali)

Bisogna inoltre considerare che:

  • una dieta ricca di carboidrati complessi (amido) favorisce l’escrezione di acido urico;
  • una dieta ricca di lipidi e fruttosio favorisce la ritenzione di acido urico.

Cosa Mangiare?

  • ELIMINARE gli alimenti ricchi in purine (alto e medio contenuto);
  • RIDURRE drasticamente l’apporto di alcol, grassi e fruttosio (presente soprattutto nei dolci e nella frutta zuccherina ed essiccata come cachi, fichi, uva e banane).
  • La BIRRA perché ha un alto contenuto di purine rispetto al vino e agli altri alcolici.

Cura > una corretta terapia della gotta si basa sul controllo del metabolismo dell’acido urico.

Fitocomposto Betulla Mater

50 GOCCE IN POCA ACQUA PRIMA DEI TRE PASTI

Questo fitopreparato stimola una corretta diuresi e quindi l’eliminazione dell’acido urico, grazie all’azione sinergica di:

  • Betulla (Betula pendula) > diuretico, drenante
  • Spirea (Spirea ulmaria) > diuretico, antireumatico
  • Equiseto (Equisetum arvense) > apportatore di sali minerali

B – Apport

1 CAPSULA PRIMA DEI TRE PASTI

Le vitamine del Gruppo B danno un considerevole aiuto all’eliminazione dell’acido urico.

Vit. C 500

1 COMPRESSA MASTICABILE 2 VOLTE AL GIORNO

Questa scheda tecnica, riporta informazioni che in alcun modo non vogliono sostituire la diagnosi ed il parere del Vostro medico di fiducia.